Personalizzare SLAX GNU/Linux

meccanico_02_07.jpg

Mettiamo le mani sotto il cofano della SLAX (magari avessi un meccanico così 😛 )

Come promesso nel post precedente riporto in questo post i passi per personalizzare la nostra SLAX 😀

Conversione dei moduli

Se i moduli sono nel formato .mo e la versione di Slax utilizzata è la 6 bisogna convertirli nel nuovo formato .lzm, altrimenti questa sezione può essere saltata.

  • aprire un terminale e diventare root

su (e digitare la password)

  • spostarsi nella cartella dove è stata scaricata la ISO di SLAX e montarla:

mount NOME_DEL_FILE_ISO -t iso9660 -o loop DIRECTORY_PER_CDROM

ad esempio:

mount slax6rc6.iso -t iso9660 -o loop /media/cdrom

a questo punto il contenuto della ISO sarè disponibile come quello di un CD

  • spostarsi nella directory slax/tools del cd di SLAX:

cd DIRECTORY_PER_CDROM/slax/tools

ad esempio:

cd /media/cdrom/slax/tools

  • per ogni modulo da convertire, lanciare lo script mo2lzm in questo modo:

./mo2lzm PERCORSO_DEL_MODULO.mo PERCORSO_DEL_MODULO.lzm

dove PERCORSO_DEL_MODULO.mo è il percorso completo del modulo in formato .mo comprensivo del nome del file e PERCORSO_DEL_MODULO.lzm è il percorso completo del file che verrà creato come risultato della conversione.

ad esempio:

./mo2lzm /home/Pippo/Slax/OpenOffice_2_2_0_Italian_5_1_6_1.mo /home/Pippo/Slax/OpenOffice_2_2_0_Italian_5_1_6_1.lzm

Aggiunta dei nuovi moduli

  • Copiare nella directory slax/modules/ i moduli che si vuole vengano caricati automaticamente in fase di boot
  • Copiare nella directory slax/optional/ i moduli che si vogliono caricare opzionalmente solo se indicato in fase di boot con il parametro load

ad esempio

boot: slax load=NOME_MODULO_1,NOME_MODULO_2

Un’altro modo per usare i moduli solo quando necessario (quello che preferisco) è di caricarli al volo con il comando uselivemod:

uselivemod /DIRECTORY_DEL_MODULO/NOME_MODULO

ad esempio:

uselivemod /slax/optional/OpenOffice_2_2_0_Italian_5_1_6_1.lzm

 

Secondo la guida ufficiale l’utilizzo di questo metodo può arrivare a bloccare la macchina, ma personalmente non ho mai riscontrato problemi.
Usando la SLAX Standard Edition è possibile caricare i moduli al volo semplicemente con un doppio clic sul file.

Ovviamente è possibile copiare qualsiasi programma riteniamo necessario in una qualsiasi directory (io di solito li metto in optional) e poi lanciarlo una volta avviato il sistema (in questo caso occhio alle dipendenze o non riuscirete ad avviare il programma)

Seguendo anche solo le indicazioni riportate in questo post (se itendete installare la SLAX su una USB stick sarà necessario seguire anche questo mio post precedente) è possibile creare una immagine ISO personalizzata bell’e pronta da masterizzare

Creazione di una immagine ISO personalizzata

  • Montare l’immagine ISO come descritto nella sezione Conversione dei moduli
  • Copiare i file di SLAX in locale:

cd DIRECTORY_PER_CDROM
cp -R * DIRECTORY_LOCALE

ad esempio:

cd /media/cdrom
cp -R * /home/Pippo/SlaxISO

  • Se necessario convertire i moduli da .mo a .lzm come descritto nella sezione Conversione dei moduli
  • Aggiungere i moduli come descritto nella sezione Conversione dei moduli
  • Spostarsi nella directory slax e lanciare lo script make_iso.sh:

cd DIRECTORY_LOCALE/slax
./make_iso.sh NOME_IMMAGINE_ISO

ad esempio:

cd /home/Pippo/SlaxISO/slax
./make_iso.sh /home/Pippo/slax6rc6_personalizzata.iso

A questo punto non rimane che masterizzare la nuova immagine e… Rock ‘n Roll!!!

Advertisements

~ di Morg4n su 9 agosto, 2007.

7 Risposte to “Personalizzare SLAX GNU/Linux”

  1. Dopo aver fatto l’installazione sulla chiave usb come faccio per aggiungere nuovi moduli? Grazie mille

  2. E’ tutto spiegato nella seconda metà del post, quella con titolo “Aggiunta dei nuovi moduli”.

    Comunque in sintesi:

    – copia nella sottodirectory “modules” della chiave USB i moduli che vuoi caricare in automatico all’avvio
    – copia nella directory “optional” della chiave USB i moduli che vuoi caricare manualmente solo quando ne hai bisogno

  3. […] guide precedenti abbiamo installato Slax GNU/Linux su una USB memory stick e abbiamo capito come Personalizzare SLAX GNU/Linux, aggiungendo i moduli che ci interessano, ed a creare una nostra immagine ISO […]

  4. Ciao avrei bisogno di una mano per il salvataggio delle personalizzazioni. Ho installato una Backtrack 2 (deriva dalla slax 😉 ) su una chiavetta USB. Funziona tutto correttamente riesco a far la partire. Quello che non riesco a fare è fargli salvare le impostazioni. Nello specifico ad esempio ogni volta mi tocca lanciare il loadkeys per fargli caricare la tastiera italiana. Ho provato 2 strade una è creare un file rc.keymap (permessi 755) e metterlo nell’rc.d con quanto serve per cambiare la lingua. Ma ovviamente quando eseguo il restart al nuovo avvio il file non esiste :(. Ho provato con dir2lzm /mnt/live/memory/changes prova.lzm che poi ho spostato sulla chiavetta nella dir modules … ma anche in questo.. il file al riavvio c’e’, ma ovviamente non carica i salvataggi… Dove Sbaglio… avrò necessità a breve di includere anche dei nuovi driver per una chiavetta wireless ma se non riesco con questa cosa semplice la vedo grigia. Grazie anticipato per l’aiuto.

  5. @VagabondoDigitale

    Visto che in più persone l’hanno richiesto domani farò un bel post dove spiego come si salvano le modifiche per slax (è veramente facile 😉 )

  6. Salve,
    scusate la domanda banale. Ma:

    => come faccio a evitare che venga visualizzato il prompt di autenticazione (login);
    => vorrei visualizzare direttamente l’interfaccia grafica. Come si può lanciare il comando all’avvio? Cosa devo modificare?

    Grazie

  7. Mi sembra di capire che stai usando Slax 5, giusto?
    Ti consiglio di usare Slax 6: è stata rilasciata da poco e si comporta esattamente come vuoi tu, cioè viene avviata direttamente l’interfaccia grafica ed è già abilitato l’auto-login.

    Comunque, se tu dovessi avere la necessità di abilitarlo / disabilitarlo manualmente, è possibile farlo sempre attraverso interfaccia grafica da qui:

    Se hai KDE in lingua inglese:
    Menu K > Control Center > System Administration > Login Manager > Convenience > Enable Auto-Login

    Se hai KDE in lingua italiana:
    Menu K > Centro di controllo > Amministrazione di sistema > Gestore degli accessi > Comodità > Abilita accesso automatico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: